> Home  > Operare nei mercati  > Cenni sulle problematiche doganali, fiscali e valutarie
Concetto di territorialità ---------------------------------------- ------------------ --------------< indietro

Gli operatori che pongono in essere un'operazione commerciale che preveda l'invio della merce all'estero devono innanzitutto identificare il "tipo" di territorio verso cui la merce viene inviata per poter espletare correttamente tutti gli adempimenti doganali e IVA. Spesso infatti non è chiaro se una cessione verso un operatore residente in altro Stato sia da qualificare come cessione intracomunitaria, esportazione oppure cessione interna.

Definizione di territorio comunitario ai fini fiscali

Il D.P.R. 633/72 definisce nell'articolo 7 primo comma, lettera a) il confine, ai fini della territorialità dell'imposta, del territorio italiano: "per Stato o territorio dello Stato si intende il territorio della Repubblica italiana, con esclusione dei comuni di Livigno e di Campione d'Italia e delle acque italiane del lago di Lugano". Sempre lo stesso articolo, nel primo comma, lettera b) definisce i confini del territorio comunitario stabiliti dal Trattato istitutivo della Comunità Economica Europea e successive modifiche. Tale territorio risulta ora composto dai seguenti 25 Stati: Austria, Belgio, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Vi sono tuttavia territori espressamente esclusi dal territorio comunitario, in base a specifiche disposizioni del predetto Trattato istitutivo, nonché territori fiscalmente rilevanti.
Sono territori esclusi e quindi da considerarsi territori extra-UE, oltre quelli indicati nella lettera a) del primo comma dell'art. 7 del D.P.R. 633/72: per la Grecia, il Monte Athos; per la Germania, l'isola di Helgoland ed il territorio di Büsingen; per la Francia, i Dipartimenti d'Oltremare (Guadalupa, Guyana francese, Martinica, Réunion); per la Spagna, Ceuta, Melilla e le Isole Canarie. Ad essi vanno aggiunti il territorio delle Isole anglo-normanne o Isole del Canale (Jersey, Guernsey, ecc.) (circ. min. 23.2.1994, nº 13), le zone nord orientali (zona turca) per Cipro e l'Isola Aland per la Finlandia (circ. min. 5.8.2004, nº 39).
Ai sensi dell'art. 7, primo comma lettera c) sono invece da considerarsi territori comunitari il Principato di Monaco e l'Isola di Man, compresi rispettivamente nel territorio di Francia e della Gran Bretagna. Dal 1º maggio 2004 anche le operazioni con Akrotiri e Dhekelia, geograficamente appartenenti a Cipro, ma poste sotto la sovranità del Regno Unito sono considerate, ai fini IVA, operazioni intracomunitarie effettuate con Cipro. (circ. min. 5.8.2004 nº 39).

Definizione del territorio comunitario secondo le norme doganali

Nel paragrafo precedente è stato definito il territorio comunitario dal punto di vista delle norme fiscali. La definizione di territorio comunitario secondo le norme doganali è contenuta nell'art. 3 del Regolamento CEE 12.10.1992 nº 2913 (sito: www.agenziadogane.gov.it - legislazione doganale). In tale articolo sono riportate ulteriori distinzioni fra territori comunitari e quelli esclusi. Vanno citati per la Danimarca, le Isole Faerøer e la Groenlandia; per la Francia, i territori d'oltremare (Wallis e Futuna, Polinesia francese, Nuova Caledonia, Terre Australi e Antartiche Francesi) e le collettività territoriali (Saint-Pierre, Miquelon, Mayotte).
La definizione di linea doganale, di territorio doganale e territori extra-doganali è contenuta negli artt. 1 e 2 del D.P.R. 43/73 (TULD - Testo Unico delle Leggi Doganali).

Alcuni esempi
1. Un operatore italiano (IT) effettua una cessione di beni ad un soggetto residente a Martinica ed ivi spedisce la merce.
IT effettua una cessione all'esportazione non imponibile IVA ai sensi dell'articolo 8 del D.P.R. 633/72. IT dovrà ricevere la copia nº 3 del Documento Amministrativo Unico (DAU), vistato dalla Dogana di confine.

2. Un operatore italiano (IT) effettua una cessione di beni ad un cliente del Principato di Monaco ed ivi consegna la merce.
IT effettua una cessione intracomunitaria non imponibile IVA ai sensi dell'art. 41 della Legge 427/93. IT dovrà compilare l'Intrastat.

3. Un operatore italiano (IT) effettua una cessione di beni ad un cliente delle Isole Canarie e consegna la merce in Spagna.
IT effettua una cessione interna con IVA. Non si configura infatti una cessione all'esportazione poiché pur essendo il cliente residente in un territorio extra-UE la merce viene consegnata nel territorio comunitario. L'operazione non può altresì essere considerata comunitaria poiché pur inviando IT la merce in territorio comunitario il cliente è soggetto extra-UE.
IT potrebbe effettuare una cessione intracomunitaria qualora il suo cliente delle Isole Canarie acquisisse una partita IVA in uno Stato comunitario diverso dall'Italia.